«

»

Una comunità vivace e attiva

Nel mese di aprile abbiamo voluto introdurre un calendario trimestrale degli eventi e delle manifestazioni organizzate o patrocinate dall’amministrazione comunale nel nostro paese; questo calendario comprende anche le iniziative effettuate in collaborazione con le associazioni locali, le commissioni consiliari, la scuola e altre istituzioni, quale ad esempio il Consorzio Villa Greppi, di cui facciamo parte.

La possibilità di visualizzare le proposte rivolte a tutta la cittadinanza è divenuta concreta nel momento in cui abbiamo definito l’elenco di tutte le iniziative programmate tra aprile e giugno 2015. Siamo lieti di constatare che la comunità veduggese riesce ad offrire molte ed interessanti opportunità culturali, sportive, ricreative e di tempo libero, come anche di carattere ambientale.

La possibilità di offrire un’ampia gamma di proposte e di occasioni rende la comunità attiva e vivace, propositiva e attenta alla promozione di spazi di approfondimento e di condivisione, o anche solo per lo svago e lo stare insieme. In questo ambito in cui vengono offerte opportunità per tutte le età e per tutti i gusti, l’amministrazione comunale svolge un ruolo di raccordo delle iniziative e di comunicazione alla cittadinanza delle opportunità promosse. L’intenzione è quella di consolidare la sensazione di sentirsi componenti di una comunità partecipe e partecipata, dove ogni persona trova uno spazio: sia per godere delle proposte che per avere un ruolo attivo nella sua organizzazione.

Si sono delineate tre tipi di proposte: le manifestazioni organizzate dall’amministrazione comunale, quelle promosse in collaborazione con le associazioni locali o patrocinate dal comune, che denotano una condivisione della proposta, ed infine le tante proposte attuate autonomamente delle singole associazioni e società sportive che contribuiscono attivamente alla vivacità del paese.

Il primo appuntamento ha compreso una nutrita serie di eventi e altri ci aspettano per i mesi di luglio, agosto e settembre. Nell’elenco approntato abbiamo sicuramente tralasciato manifestazioni rilevanti e ce ne scusiamo, ma non volevamo “appropriarci” di iniziative autonome che volevano rimanere tali.

Poter avere in casa, sul sito del comune, sulla pagina facebook istituzionale o nelle newsletters le informazioni sulle possibilità di svago e cultura del paese lo consideriamo un servizio svolto a favore della collettività, in particolare per la possibilità offerta di poter vivere spazi collettivi di espressione degli interessi, del benessere e anche della solidarietà.

L’impegno degli organizzatori di tutti gli eventi è encomiabile, l’azione dei volontari, dei soci delle associazioni, degli assessori, dei componenti delle commissioni comunali, dei gruppi organizzati e delle singole persone meritano un ringraziamento e un riconoscimento straordinari.

Le manifestazioni sono state realizzate con costi molto contenuti, alcune sono state sponsorizzate, altre sono state a costo zero. La tanta buona volontà profusa e la voglia di dedicare tempo ed energie a rendere migliore il proprio contesto di vita, per se stessi, per i propri figli e per la comunità, contribuiscono, in un tempo in cui realizzare opere pubbliche consistenti è impossibile per la stretta finanziaria che colpisce i Comuni, a rinsaldare i legami che tengono unita la comunità e a rendere più “vivibile” il nostro paese.

I miei amici di città sono per lo più consumatori di cultura, non creatori. Nei piccoli paesi, invece, il tessuto umano è sparso e ti rendi conto che la cultura devi contribuire a crearla e a sostenerla.

Tutto ciò che accade nelle strade dei piccoli centri – competizioni sportive, concerti, spettacoli teatrali, estemporanee di pittura – accade perché la gente che conosci, o tu stesso, lo fa accadere.

E’ una cultura fai-da-te, casalinga s’intende, ma profondamente sentita, che nasce dal talento locale” (Scott Russell Sanders, scrittore statunitense).

FacebookTwitterGoogle+Condividi