«

»

Più ombre che luci!

Gruppo consiliare “Lega Nord”

Cambiano il nome delle imposte ma il risultato non varia. I cittadini di Veduggio, ma non tutti, dal loro portafoglio hanno e tireranno sempre fuori più soldi per coprire i continui tagli del governo Renzi e per le scelte molto discutibili che i nostri amministratori locali hanno deciso con le varie modulazioni delle imposte. Nella situazione attuale di crisi economica  un’amministrazione deve avere la capacità di rendere più equilibrata la tassazione verso tutti i cittadini, cosa che a nostro parere non è stata fatta.

Riportiamo alcuni esempi concreti :

la TASI non è stata pagata dagli affittuari e dai possessori di casa di lusso. Perché l’hanno pagata solo  i proprietari di prima casa e le aziende? Non abbiamo avuto risposte! Pare che la TASI non sia altro che l’IMU sulla prima casa travestita.

Per quanto riguarda l’addizionale comunale IRPEF, pagheranno un incremento di circa il 20 % in più per i redditi tra 28 mila euro e 55 mila euro e la percentuale aumenterà oltremodo per i redditi superiori.

Gli esempi sopra elencati testimoniano poca equità nella scelte della nuova amministrazione per quanto riguarda le entrate tributarie.

Sappiamo che nelle case comunali ci sono dei soldi  di avanzo di amministrazione consistenti, che si potevano utilizzare per cercare di non aumentare le tasse.

Criticare è facile amministrare è più difficile. Vogliamo ricordare che stiamo parlando dei soldi dei cittadini.

In conclusione questo bilancio contiene una corposa manovra tributaria che aumenta l’addizionale IRPEF e introduce la IUC (che racchiude IMU, TASI e TARI). Questo bilancio pare essere dettato da un fato irreversibile che si nasconde dietro le nuove scelte del governo centrale.

Come a Roma, anche a Veduggio non si trova mai soluzione migliore che aumentare la pressione fiscale, troppo facile garantire servizi se si aumentano le tasse.

Il gruppo in consiglio comunale della Lega Nord

FacebookTwitterGoogle+Condividi