«

»

Intervista ad Augusto Degli Agosti (capogruppo Lega Nord)

  1. Augusto buongiorno. Si presenti.

Buongiorno. Sono Augusto Degli Agosti, ho quarantanove anni, ho una splendida famiglia composta da mia moglie e da mia figlia. Lavoro come dipendente in una ditta di Veduggio con Colzano e sono capo gruppo in consiglio comunale della Lega Nord. Le mie passioni sono la politica, lo sport e la vita!

degliagostiInter

  1. È da molto che partecipa alla vita politica di Veduggio con Colzano?

Il mio percorso politico inizia nei primi anni novanta ricoprendo diversi incarichi nel movimento della Lega Nord, in seguito sono diventato amministratore comunale, vice sindaco, assessore e consigliere nel comune di Veduggio con Colzano.

  1. Qual è il ruolo del Consiglio Comunale, ed in particolare di Capogruppo di una delle forze di Opposizione?

Il Consiglio Comunale è l’organo di controllo politico e amministrativo, espressione della comunità. Il mio ruolo è quello di portare a conoscenza, in consiglio, le eventuali istanze dei cittadini, di controllare l’operato della maggioranza e di portare le nostre proposte, come rappresentante della Lega Nord.

  1. Non teme che il Consiglio Comunale possa ridursi ad operare una sorta di “vidimazione” di decisioni prese già altrove, di fatto in Giunta?

Temere non è forse il termine più corretto, la nostra è una certezza, di paura non ne abbiamo più oramai.

  1. Raggruppamento delle funzioni. Personalmente ritengo che in Italia via siano troppi Comuni e un accorpamento di questi – soprattutto se simili in termini storici e culturali – possa essere ragionevole al fine del contenimento della spesa pubblica, fatta salva la garanzia ai cittadini di almeno la stessa qualità dei servizi. Cosa ne pensa di ciò?

È esattamente l’opposto. Ritengo che amministrare qualcosa di sempre più grande è ovviamente più difficile, ma in questo periodo storico, non potendo intraprendere altre strade, è necessario il raggruppamento di funzioni, infatti, la nostra amministrazione ha intrapreso un percorso con il comune di Renate, stipulando le convenzioni dei servizi come tentativo di riduzione dei costi. Sarà, però, il tempo che formulerà il verdetto del successo o del fallimento del progetto.

  1. Come vede la preoccupazione di molti cittadini nel perdere la propria identità in caso di fusione del proprio Comune? O fosse anche la necessità di doversi spostare per un tratto più lungo, pensando ad esempio ad anziani o persone in difficoltà per qualsiasi motivo?

Siamo contrari alla fusione poiché ogni comune ha il diritto e il dovere di preservare la sua realtà culturale e storica affinché l’identità dei suoi cittadini sia tutelata. Personalmente sono in disaccordo con la prospettiva della globalizzazione, che conduce a un inesorabile annientamento delle diversità.

  1. Opere pubbliche. La sua parte politica nella scorsa legislatura nella Giunta Fumagalli ha sostenuto un importante progetto di recupero dell’area ex-Puricelli, purtroppo naufragata al sopraggiungere della crisi economica. Considerato il cattivo stato dell’edificio comunale, pensa che quel progetto possa essere ripreso? Che alternative proporrebbe?

Ritengo che la riqualificazione dell’area dismessa sia una priorità, ma la crisi economica ha creato molte difficoltà. L’amministrazione attuale ha tutti gli strumenti urbanistici per decidere una soluzione e realizzazione per un nuovo edificio comunale, quando sarà presentata sarà valutata.

  1. Piazzola rifiuti. Cosa ne pensa della soluzione di portare i rifiuti a Cassago? La intende come una cosa temporanea o a lungo termine? Crede che un’autonomia in questo campo sia percorribile in tempi brevi?

Siamo favorevoli a una scelta temporanea per l’utilizzo della piattaforma di Cassago Brianza a costi ragionevoli, finché non sarà pronta quella di Veduggio, che auspichiamo tutti sia realizzata in tempi brevi. La nostra amministrazione aveva lasciato un progetto per la realizzazione della piattaforma ecologica, individuando il modo per finanziare opera e tempi. L’amministrazione attuale, più di un anno fa, aveva espresso la potenzialità di un progetto meno oneroso, ma tuttora non abbiamo nessuna notizia in merito. Questa è la dimostrazione della capacità di progettare di questa amministrazione.

  1. I Comuni si trovano da alcuni anni a dover convivere con una scarsità di risorse economiche. Come vede il futuro per i piccoli Comuni, in particolare Veduggio con Colzano?

A causa dei continui tagli da parte del governo, sarà sempre più difficile garantire le legittime esigenze dei cittadini di un comune virtuoso come Veduggio. La sola soluzione sarà la vera autonomia fiscale.

Grazie.

FacebookTwitterGoogle+Condividi