«

»

UN NUOVO PROGETTO PER LA PIAZZOLA ECOLOGICA

L’Amministrazione Comunale ha presentato un progetto per partecipare al bando regionale finalizzato alla realizzazione di un nuovo centro del riutilizzo presso l’area della stazione di trasbordo sita accanto al cimitero di Veduggio. L’obiettivo principale è quello di una sua riqualificazione e rivitalizzazione in vista del trasferimento temporaneo presso l’isola ecologica autorizzata di Cassago (maggiori informazioni su tempistiche e modalità saranno comunicate dall’Amministrazione per tempo a tutte le famiglie).

Significa che le persone potranno portare al centro di riuso i beni riutilizzabili e parallelamente acquistare a basso prezzo beni che altri non utilizzano più (abbigliamento, libri, stoviglie, giochi, elettrodomestici, arredi, ecc…). Una sorta di mercatino dell’usato pensato in maniera più articolata.

Per attivare i fondi regionali, il progetto è stato strutturato in modo da coinvolgere molti partner per quanto riguarda la parte progettuale, tecnica, realizzativa, gestionale e sociale.

Il centro del riutilizzo è stato pensato per un utilizzo intercomunale: una collaborazione virtuosa a tre con Cassago e Renate che hanno aderito all’iniziativa proposta da Veduggio.

Il carattere innovativo e sperimentale del manufatto da realizzarsi è dato dal fatto che sarà realizzato in autocostruzione con materiali di riuso facendo tesoro delle esperienze già realizzate a Legnano ed Abbiategrasso.

Davide Lo Bartolo e Barbara Barbieri, due giovani architetti liberi professionisti che da tempo si occupano di progettazione con materiali alternativi, hanno curato la progettazione esecutiva insieme all’Ufficio Tecnico comunale e coordineranno l’esecuzione dei lavori.

Il Prof. Alessandro Rogora del Dipartimento di Architettura e Studi Urbani (DAStU) del Politecnico di Milano ha fornito la sua disponibilità a collaborare alla realizzazione dell’opera con modalità già sperimentate in realizzazioni recenti. Ai giovani studenti del Politecnico sarà affidata la parte realizzativa durante il workshop conclusivo del Laboratorio di Costruzioni dell’Architettura.

La realizzazione del centro sarà co-finanziata da Gelsia Ambiente srl che si occupa dello smaltimento dei rifiuti per il Comune di Veduggio con Colzano e darà un contributo chiave per l’approvvigionamento dei materiali di recupero con cui costruire il centro e per quanto riguarda il supporto logistico.

E’ stata ottenuta anche la collaborazione della Società Agricola Pelucchi Tarcisio per la pulizia e sistemazione dell’area preventivamente alla realizzazione del manufatto.

La gestione dei beni sarà a cura della Associazione di Promozione Sociale “Il carretto A.P.S. che orbita nell’area del movimento Operazione Mato Grosso con alle spalle una pluriennale esperienza in ambito di riuso anche in comuni limitrofi.

Il carattere sociale del progetto prevede la possibilità di inserire due persone con disabilità per un percorso di tirocinio propedeutico all’inserimento lavorativo; la segnalazione delle persone e i progetti individualizzati saranno concordati con il Servizio Inserimenti Lavorativi (SIL) del “COnsorzio DEsio BRIanza” (CODEBRI) di Desio.

Alla Caritas locale ed ai servizi sociali comunali sarà affidato il compito di segnalare situazioni di povertà aprendo un canale diretto con il centro del riutilizzo per l’effettiva allocazione del bene, dando la priorità alle situazioni economiche disagiate.

Crediamo profondamente nella cooperazione intercomunale e con i privati, nel coinvolgimento di giovani architetti e nell’integrazione con la sfera del sociale.

Pensiamo che sia una modalità virtuosa di risolvere i problemi contemporanei posti dalla crisi economica. Con questo progetto interdisciplinare vogliamo attivare un mix di finanziamenti per realizzare concretamente uno degli obiettivi del nostro mandato.

FacebookTwitterGoogle+Condividi